You are here: Home » News

News

Microsoft e il lavoro 2.0: in ufficio quando vuoi

Microsoft e il lavoro 2.0: in ufficio quando vuoi
Nella nuova sede in Germania abolito l’obbligo di presentarsi in azienda: contano solo i risultati. Ad aprire la strada è stato Richard Branson.
Ufficio addio: è questa la tendenza delle grandi aziende nel 2014. Dopo che la Virgin ha annunciato la scomparsa dell’orario di lavoro, anche Microsoft intraprende la strada dell’impiego 2.0.
Nessun obbligo di presentarsi in ufficio ogni giorno: questa la novità della nuova sede in Germania. A casa, al parco o al bar: i dipendenti del colosso dell’informatica saranno liberi di mettersi al computer dove vorranno in questa modernizzazione del telelavoro.
UFFICIO ADDIO. In realtà, Microsoft aveva già cancellato l’orario fisso nel 1998, ora elimina l’obbligo di presenza sul posto di lavoro. In modo da far risparmiare tempo (e stress) negli spostamenti ai lavoratori, ma anche spazio in sede: i 2.700 dipendenti potranno lavorare «dove e quando vogliono», tanto che nella nuova struttura a Monaco di Baviera non ci saranno postazioni per tutti.
«La presenza fisica in ufficio non dice nulla sulla qualità delle prestazioni dei dipendenti. Al contrario, spesso fornisce una falsa immagine», spiega il direttore del personale di Microsoft Germania, Elke Frank, al Frankfurter Allgemeine Zeitung.
MODELLO DIFFUSO. All’azienda interesserà solo la produttività e il risultato, mentre il dipendente potrà gestire meglio il proprio tempo. Ne beneficerà anche l’ambiente, se si calcola che ogni pendolare produce 1,7 tonnellate di Co2 ogni anno.
Altre aziende hanno adottato questo modello, come Sap, Bmw o Deutsche Bank, nonostante la contrarietà dei sindacati: venire liberati dall’ufficio può voler significare essere sempre raggiungibili. E la libertà può trasformarsi in superlavoro.

Fonte: Businesspeople.com   Link: http://goo.gl/rIhdCH

Microsoft il Surface Pro 3 conquista l’Italia!

 Microsoft il Surface Pro 3 conquista l’Italia!
Lo stavate aspettando?
Ora potrete averlo tra le mani, perché è finalmente disponibile anche in Italia il tablet made Microsoft il Surface Pro 3.
Microsoft il Surface Pro 3 è un tablet spettacolare grazie alla sua potenza si presenta come un vero notebook, leggerissimo pesa solo 800 grammi ed ha uno spessore di 9 millimetri, monta processori intel core i3, i5 e il potentissimo i7 e ha come sistema operativo Windows 8.1.
Microsoft il Surface Pro 3 è disponibile nei negozi specializzati ad un prezzo di 819 euro per il modello base.
Il tablet Surface Pro 3 è molto comodo per i professionisti che si spostano frequentemente che hanno bisogno di un tablet che abbia le stesse caratteristiche di notebook.
Il tablet Surface Pro 3 può essere sfruttato in tutte le sue potenzialità anche dagli studenti che voglio avere un device ultra leggero da poter utilizzare ovunque a scuola o a casa con la possibilità di poter prendere appunti con la preziosissima penna uno degli accessori più utili dell’ultimo modello di tablet della Microsoft.
Microsoft il Surface Pro 3 ha un’autonomia di 9 ore ed un display ampissimo di 12 ” .
Straordinario!
Luca Callegari direttore Marketing Surface di Microsoft Italia ha così presentato Surface Pro 3:
“Molte persone hanno sia un tablet che un portatile, ma in realtà vorrebbero un unico dispositivo per gestire tutto. La nostra visione è molto chiara: Surface Pro 3 è IL tablet che sostituisce il laptop perché è in grado di garantire le stesse prestazioni e funzionalità in un design sottile, leggero e raffinato. Il sogno di avere un solo dispositivo per studio, lavoro e tempo libero con la consapevolezza di poter contare su tutta la potenza necessaria diventerà realtà.”
Che ne dite?
Rapporto qualità prezzo assolutamente in equilibrio.

Fonte: Businessandtech.com  Link: http://goo.gl/ECvJKc

Apple e Google a caccia di programmatori tra i banchi delle medie.

Apple e Google a caccia di programmatori tra i banchi delle medie.

Inventano “app” di successo e diventano milionari prima di aver superato la pubertà. Ecco perché i giganti del web corteggiano i giovanissimi.

NEW YORK – Non è solo la generazione dei Baby boomer a sentirsi spaesata o inadeguata nella padronanza delle tecnologie, rispetto ai Millennial. Ora i ventenni sentono il fiato sul collo di una generazione più agguerrita di loro. I nuovi inventori corteggiati da Apple e Google stanno facendo ancora la scuola media. Le frontiere del reclutamento di cervelli nella Silicon Valley diventano sempre più precoci. Un esercito di dodicenni e tredicenni affollano le conferenze tecnologiche per presentare i propri brevetti, vincono competizioni internazionali, piazzano le loro app sugli smartphone.

Finiscono sul Wall Street Journal i campioni di questa nuova fascia di età, milionari prima di aver superato la pubertà. Il quotidiano economico intervista in prima pagina Grant Goodman, 14 anni, e già al suo terzo brevetto di successo. Quando Apple l’anno scorso decise che sui nuovi iPhone non ci sarebbe stato YouTube in dotazione, il ragazzino si tuffò sull’opportunità. Inventò Prodigus, una app che consente di guardare video sull’iPhone, senza la pubblicità imposta da YouTube. “Se cominci così presto – dice Goodman al Wall Street Journal – hai una lunghezza di vantaggio rispetto ai ventenni”. Lui ha già costituito una società, la Macster Software, per gestire la sua attività d’inventore. Sa mettere in competizione fra loro Apple e Google, cimentandosi con app per tutti i loro prodotti. Ne ha brevettata una che serve a vedere il livello di carica della batteria dell’occhiale Google Glass, un minuscolo indicatore luminoso. Ha anche inventato un videogame. Questa è stata l’estate del suo addio alla scuola media, da settembre entra al liceo.

Ci sono casi perfino più precoci. Quando a giugno Google ha organizzato a San Francisco la sua conferenza annua I/O, dedicata a tutti gli inventori che sviluppano nuovi software e app, ha dovuto prevedere un apposito “programma giovani” con 200 partecipanti. I più piccoli tra loro avevano 11 anni, e guai a guardarli dall’alto in basso: sottovalutarli può essere un errore micidiale. Per non essere meno competitiva dei rivali, nel reclutamento dei giovanissimi cervelli, Apple già nel 2012 cominciò ad abbassare l’età minima per essere ammessi alle sue conferenze di developer: dai 18 ai 13 anni. La metà delle borse di studio per partecipare gratis alle conferenze tecniche di Apple, riservate a veri professionisti, sono state vinte da minorenni.

La creatività di questi enfant prodige è ben remunerata. Google in un anno ha versato 5 miliardi di dollari agli inventori delle migliori app, mentre Apple addirittura il doppio: 10 miliardi. I ragazzini negano che il guadagno sia la molla che li spinge a rinunciare alle feste da ballo o al baseball per passare pomeriggi e sere a escogitare nuove invenzioni. La mamma di Grant, Becky Goodman, non accetta insinuazioni o processi alle intenzioni: “Non abbiamo investito emotivamente nella speranza che lui sia il prossimo Mark Zuckerberg. A noi interessa solo che sia felice”. E tuttavia…

A quell’età i compagni di classe possono essere crudeli verso i nerd, come vengono chiamati i secchioni troppo bravi in matematica e informatica. I B-movie di Hollywood con episodi di bullismo sono pieni di nerd umiliati da compagni più bravi nello sport o nel rimorchiare le ragazzine. Salvo ricredersi, quando arrivano a casa i primi assegni delle royalties? Nick D’Aloisio, che ha appena compiuto i 18 anni ma cominciò anche lui nella pre-adolescenza, l’anno scorso ha venduto a Yahoo per 30 milioni di dollari la sua app Summly, che offre una sintesi veloce delle principali notizie di attualità.

La giovane età comporta qualche limitazione legale, facilmente aggirabile. Per costituire una società bisogna essere maggiorenni, perciò alcuni di questi ragazzini intestano la propria azienda a genitori o nonni. Per definizione, i loro mestieri non conoscono frontiere: lo conferma la storia di Douglas Bumby (16 anni), la cui app JustGo! (cronometro per corridori) è già in vendita in tutti gli AppStore; Douglas che vive in Canada di recente si è trovato un partner agli antipodi, in Australia, il 17enne Jason Pan con cui hanno creato la società Apollo Research. E c’è il caso di Ahmed Fathi, un 15enne volato dall’Egitto alla Silicon Valley per partecipare alla conferenza degli inventori organizzata da Apple. Fathi ha imparato a programmare software e a creare app come autodidatta, seguendo un corso online su YouTube. Ha già inventato, brevettato e venduto ad Apple il suo Tweader, un’app che legge Twitter ad alta voce per chi sta guidando o pedalando in bicicletta.

Il filosofo francese Michel Serres, che insegna alla Stanford University in California, usa il personaggio delle favole Petit Poucet, cioè Pollicino, per descrivere la generazione mutante dei “nativi digitali” i cui pollici prensili viaggiano alla velocità della luce sul display del telefonino. No country for old men, non è un mondo per vecchi, così hanno anche tradotto le teorie di Serres sul potenziale rivoluzionario di queste generazione. Ora anche i ventenni devono guardarsi alle spalle, incalzati da un’obsolescenza già in agguato.

Fonte: Repubblica.it  Link: http://goo.gl/cvGIXA

iPhone 5 difettosi, Apple accetta di sostituirli gratuitamente.

iPhone 5 difettosi, Apple accetta di sostituirli gratuitamente.

Alcuni apparecchi venduti tra settembre 2012 e gennaio 2013 presentano problemi alla batteria. Previsti rimborsi per chi li ha già riparati a proprie spese.

 

Se il vostro iPhone 5 non funziona e state contando i minuti che mancano all’uscita dell’iPhone 6, aspettate un momento: il vostro problema potrebbe essere dovuto a un difetto di fabbricazione.
Un numero limitato di apparecchi, venduti tra settembre 2012 e gennaio 2013, presenterebbero infatti un difetto non da poco: pochi mesi dopo l’acquisto gli iPhone inizierebbero a scaricarsi molto velocemente. Troppo, al punto che Apple ha predisposto un apposito link a cui verificare, tramite il numero di serie dell’apparecchio, se il proprio telefono rientra tra quelli interessati dal problema.
Se qualcuno dovesse aver già sostituito la batteria, l’azienda di Cupertino ha fatto sapere che sarà disponibile a un rimborso. In Italia sarà possibile sostituire gli iPhone difettosi dal 29 agosto, mentre negli Usa e in Cina l’operazione è già in corso.

 

Fonte: ilgiornale.it  Link: http://goo.gl/qe7SyC

 

Whatsapp raggiunge 600 milioni di utenti attivi.

Whatsapp raggiunge 600 milioni di utenti attivi.

Whatsapp ora conta 600 milioni di utenti attivi: il CEO punzecchia i concorrenti che pubblicizzano grandi cifre riguardo gli utenti registrati, decisamente meno importanti di quelli realmente attivi.

Nuovo traguardo per Whatsapp che raggiunge i 600 milioni di utenti attivi. Eravamo rimasti al mezzo miliardo, cifra raggiunta nel mese di aprile preannunciando l’arrivo delle chiamate vocali entro l’estate. A rivelare i dati è il CEO Jan Koum, fondatore del servizio attualmente divenuto proprietà di Facebook nel mese di febbraio.
Secondo quanto riferisce TheNextWeb, il diretto concorrente più vicino è WeChat che attualmente viene utilizzato attivamente da 438 milioni di utenti, a seguire Viber e Tango però a grande distanza, rispettivamente con 100 milioni e 70 milioni di utenti; sempre riguardo i dati recentemente rivelati dalle altre società, in un tweet Koum punzecchia i concorrenti Line e Kik che hanno pubblicizzato grandi cifre riguardo il numero di utenti registrati, un dato decisamente meno incisivo e poco importante rispetto a quello degli utenti attivi.
Nonostante esistano ormai diverse soluzioni di chat mobile multipiattaforma, il sistema di abbonamento di Whatsapp (0,89 euro l’anno) sembra prevalere su quello gratuito degli altri servizi, che continua a crescere mese dopo mese.
Per i nuovi utenti l’app WhatsApp Messenger è gratis per iPhone per il download e per il primo anno di utilizzo: a partire dal secondo anno costa 89 centesimi all’anno. Gli utenti che hanno scaricato e utilizzato le prime versioni di WhatsApp per iPhone possono continuare a utilizzarla gratis.

Fonte: macitynet.it  Link: http://goo.gl/nIUie5

 

Windows 9, il ritorno del desktop.

Windows 9, il ritorno del desktop.

Il nuovo sistema operativo di casa Microsoft arriva a quasi un anno dall’ultimo aggiornamento dell’8.Tornano le finestre al posto delle mai amate piastrelle.

Non c’è stato tempo di abituarsi a Windows 8.1 che già abbiamo il successore. Il nuovo sistema operativo di casa Microsoft arriva a quasi un anno dall’ultimo aggiornamento di quell’otto che non è riuscito a far breccia nel cuore degli utenti. Chiamato in codice Threshold, il sistema operativo del futuro dovrebbe essere una miscela dei due precedenti con qualche novità e diverse conferme. Innanzitutto torna il menù Start che presenterà i programmi in maniera tradizionale, come accadeva da Windows 7 in giù, ma con in più le piastrelle tipiche di Win 8 e 8.1. Con esso riacquista importanza anche la visuale desktop che sarà l’interfaccia grafica principale al posto delle mai amate piastrelle e, almeno sui PC, dovrebbe uscire di scena la Charms bar, quella barra laterale che conteneva collegamenti veloci a diverse funzioni ma finiva spesso per apparire quando non richiesta. Sui tablet invece dovrebbe rimanere lì dov’è.

Ritorno alle finestre

Le finestre quindi tornano a occupare una posizione centrale nel sistema operativo che le ha innalzate a paradigma (“Windows” vuol dire pur sempre finestre), e perfino le piastrelle ci finiscono dentro. Continueranno infatti ad esistere ma racchiuse dentro riquadri ben definiti che non occuperanno tutto lo schermo come accade con il sistema operativo attuale. Il ritorno dell’interfaccia tradizionale ci fa intuire anche una rinnovata attenzione verso mouse e tastiera, le periferiche di input vecchie di decenni che tornano a fare la voce grossa nei confronti del touch. Il tocco infatti è un sistema di controllo che va bene per tablet e smartphone ma non ha dimostrato grande versatilità su PC fissi e portatili. Come già accade per Linux e Mac, il sistema operativo in arrivo dovrebbe supportare anche i desktop virtuali, ovvero la possibilità di usare più “scrivanie” come si avessero più computer di fronte a noi.

(Ri)ecco Cortana

Il rumor più importante dal punto di vista tecnologico è però la comparsa di Cortana, l’assistente virtuale della casa di Redmond che agisce come il Siri della Apple e prende il nome da un personaggio del videogioco “Halo”. Su Windows 9 dovremmo finalmente vederla all’opera, con un sistema di predizione che imparando dai nostri gesti e dalle nostre ricerche dovrebbe snellire la navigazione e la gestione di diverse funzioni.

Già da settembre

Dette le novità non ci resta che guardare alle date di uscita. Per il momento i rumors sono vaghi ma voci sempre più insistenti parlano di un evento di lancio organizzato per il 30 settembre, data in cui dovrebbe arrivare anche la versione di prova. Entro l’autunno quindi potremo vedere un’anteprima di questa nuova fatica di Microsoft che dovrà battersela contro Yosemite, il sistema operativo per Mac in uscita più o meno nello stesso periodo ma già disponibile in beta nel Mac App Store. L’arrivo definitivo invece è previsto per la prossima primavera e, come ormai di tradizione, sarà gratuito per chi aggiornerà da Windows 8 o 8.1.

Fonte: Corriere.it  Link: http://goo.gl/1NJYRL

Google Maps arriva in fondo al mar!

Google Maps arriva in fondo al mar!

Street View lancia la mappatura dei fondali americani realizzata con immagini mai viste. La collezione si aggiunge a quelle australiane e caraibiche.

Scoprire il fondo del mare come una qualunque strada di città. E’ il progretto di Google Street View che vuol realizzare la mappatura dei fondali americani grazie a nuove tecnologie come gli obiettivi “fisheye” testati in questi giorni nelle acque delle Keys in Florica. Lo scopo del progetto di Redmond è riprodurre in 3D le meraviglie del mondo subacqueo. Su Google Maps è infatti già disponibile una collezione di 400 mila immagini straordinarie della barriere coralline di Australia e Caraibi. Alcune immagini panoramiche saranno disponibili già nei prossimi giorni e una selezione sarà visibile su Google Maps, offrendo agli utenti di internet una finestra dentro ecosistemi ancora difficili e costosi da esplorare. Le immagini oltre a far conoscere i tesori delle acque americane permetteranno una migliore conservazione dei questi preziosi ecosistemi studiando l’effetto dell’aumento della temperatura degli oceani, dell’inquinamento e degli uragani sulla barriera corallina.
«Questo permetterà di capire a tutti coloro che non possono andare sott’acqua cosa significa ospitare una speciale area di salvaguardia intorno a questi posti particolari» ha detto Mitchell Tartt, capo della divisione di Scienze conservative al National Oceanic and Atmospheric Administration’s Office della National Marine Sanctuaries.

Fonte: Businesspeople.it  Link: http://goo.gl/A60kcp

YouTube Music Key, la musica a pagamento secondo Google.

YouTube Music Key, la musica a pagamento secondo Google.

L’ultima idea di Redmond: canzoni e videoclip a pagamento senza pubblicità e un’interfaccia per l’audio in sottofondo.

Per festeggiare i 10 anni della quotazione in Borsa, Google si regala un’altra scommessa. Dopo mesi di indiscrezioni in proposito, il colosso di Redmond avrebbe pronta una nuova rivoluzione: Youtube a pagamento.
Si tratterebbe di una sorta di Netflix musicale per fare concorrenza a Spotify grazie a canzoni e videoclip: con soli 9,99 dollari di abbonamento a MusicKey, si potrebbe accedere a tutti i brani della discografia ufficiale come live e cover in streaming.
Tante le funzioni premium: ascolto e la visione di video senza pubblicità, la possibilità di salvare clip e canzoni per la fruizione offline e un’interfaccia per l’audio di sottofondo mentre si lavora o si naviga (funzione che potrebbe essere negata ai non abbonati).
Si tratterebbe di un upgrade di Google Play All Access, operativo da tre anni e presente anche in Italia. Il nome cambierebbe in Google Play Music Key, e i suoi utenti, che pagano già un abbonamento da 9,99 dollari, avrebbero accesso anche a YouTube Music Key.
Il plus di Youtube sarebbero i contenuti extra come live remix e cover, ma per utilizzarli sarà necessario trovare l’accordo con le major e le etichette indipendenti. Solo dopo questi contratti, il nuovo servizio potrà prendere vita.
Dal suo ingresso in Borsa il 19 agosto del 2004, il colosso di Internet è passato da 3,2 a 66,7 miliardi di dollari di ricavi grazie a Chrome, Street View e tante altre novità arrivate in questi dieci anni. I dipendenti sono diventati 52 mila e la capitalizzazione di mercato ha raggiunto i 400 miliardi di dollari

Fonte: Businesspeople.it  Link: http://goo.gl/E22CE2

Thesys non va in vacanza!

Thesys non va in vacanza!
Come di consueto, ogni anno in questo periodo la gran parte dei nostri clienti abbandona gli uffici per dedicarsi ad un po di sano relax. Noi di Thesys invece, cogliamo l’opportunità per effettuare la manutenzione delle vostre apparecchiature cosicchè al vostro rientro possiate riprendere il lavoro con serenità.
Vi auguriamo buone vacanze!

 

 

Google si compra Nest: dai motori (di ricerca) ai termostati. Ma perché?

Google si compra Nest: dai motori (di ricerca) ai termostati. Ma perché?
Il colosso di Mountain View stacca un assegno da oltre 3 miliardi di dollari a uno dei padri dell’iPod, che adesso fa termostati e sensori antifumo. Motivo? Realizzare prodotti hi tech e superintelligenti per migliorarci la vita. O, forse, guadagnare di più con pubblicità sempre più mirate.
Quanto costa un termostato? Dipende dal termostato…
Quello che si è appena comprato Google vale 3,2 miliardi di dollari. La notizia è quella dell’acquisizione da parte del gigante di Mountain View di Nest, un’azienda che produce termostati per la casa e sensori antifumo.
Non un’azienda qualsiasi
L’azienda Nest è stata fondata da un certo Tony Fadell, uno dei padri del primo iPod di casa Apple (anche se la diatriba tra chi fosse il vero “podfather” non si è mai del tutto chiarita). E anche il termostato Nest è un termostato speciale.
Collegato a Internet, conosce le previsioni del tempo del luogo in cui si trova. Ha un sensore di movimento che conta le persone che gli passano davanti (quante e quando). Si regola con un semplice “gira a destra” e “gira a sinistra” e comanda caldaia e condizionatori. Dopo una settimana, ha imparato le nostre abitudini. E non serve più toccarlo.
In casa si sta bene sia in inverno che in estate e i consumi sono scesi, grazie alla sua ottimizzazione, tra il 16 e il 30% (secondo quanto dichiara l’azienda). Perfetto.
Le ragioni dell’acquisizione
Perché Google vuole costruire termostati? Be, si potrebbe anche chiedersi perché vogliono costruire auto che vanno da sole? O gestire pazzesche mappe satellitari e foto delle strade di tutto il mondo?
Le risposte possibili sono due
Una è data dallo stesso fondatore di Google, Larry Page. In più di una intervista ha dichiarato che Google non è un motore di ricerca. Page sostiene che diventare il motore di ricerca più intelligente del mondo sia solo il primo passo del suo grande obbiettivo: costruire oggetti tecnologici che miliardi di persone avranno in casa. Finora, a dire il vero, non gli è andata molto bene. L’acquisizione di Motorola non ha ancora portato né enormi profitti né il telefono 100% Google (il Motorola X) in tutto il mondo.
Ma l’attesa per i Google Glass è grande: ed è grande anche quella per la prima flotta di auto che guidano da sole e, più in generale, di robot, il nuovo grande interesse di casa Page e Brin. Che, nelle loro dichiarazioni, sono dei visionari: “Vogliamo che tutto il mondo condivida la conoscenza e possa usufruire della tecnologia al massimo livello possibile”.
Spioni in casa
La seconda risposta è molto meno “da guru” e molto più orientata al business. Come guadagna Google? Vendendo pubblicità. In modo molto intelligente, fornendo a ciascuno il proprio annuncio su misura. Lo fa benissimo, guadagna e fa guadagnare. Come fa a farlo così bene? Acquisendo informazioni. Le nostre informazioni, che forniamo gratis. Cosa facciamo, cosa cerchiamo, dove andiamo con l’auto (grazie ai gps sui telefonini che si integrano con Google Now), cosa leggiamo… Grazie al Nest, sapranno di più. Quando siamo in casa, quante volte passiamo davanti al termostato (quindi, come siamo “attivi” in casa…), che abitudini abbiamo nel nostro gestire il caldo e il freddo. Che uso farà Google di queste informazioni? Buono, a sentire Page e Brin. Ottimo per il business, a sentire gli analisti.
Fonte: Focus.it

Categorie

Articoli Recenti

Microsoft e il lavoro 2.0: in ufficio quando vuoi

Nella nuova sede in Germania abolito l'obbligo di presentarsi in azienda: contan

19 ottobre 2014 read more

Microsoft il Surface Pro 3 conquista l’Italia!

Lo stavate aspettando? Ora potrete averlo tra le mani, perché è finalmente disp

1 settembre 2014 read more

Apple e Google a caccia di programmatori tra i banchi delle medie.

Inventano "app" di successo e diventano milionari prima di aver superato la pube

31 agosto 2014 read more

iPhone 5 difettosi, Apple accetta di sostituirli gratuitamente.

Alcuni apparecchi venduti tra settembre 2012 e gennaio 2013 presentano problemi

26 agosto 2014 read more

Whatsapp raggiunge 600 milioni di utenti attivi.

Whatsapp ora conta 600 milioni di utenti attivi: il CEO punzecchia i concorrenti

25 agosto 2014 read more

Tieniti informato!!

Iscriviti alla nostra newsletter ed unisciti ai nostri 7 iscritti.